(IT) Il Video Advertising Outstream è la Soluzione per le Sfide del Video Digitale secondo uno studio di Forrester

teads-press
I formati video outstream sono destinati a diventare il nuovo standard che porta allarisoluzione del problema della viewability ed apre nuove inventory premium per i brand
Milano, 18 giugno 2015  Da uno studio rilasciato nel giugno 2015 da ForresterConsulting per conto di Teads  primi ideatori del video advertising outstream e di unapiattaforma internazionale per l’ottimizzazione delle revenue dei publisher online  è emersoche l’outstream advertising è il nuovo standard nonchè la soluzione perfetta a tutti iprincipali problemi che riguardano il video adv online e che vede coinvolti media company, advertiser e agenzie.
Forrester Consulting ha condotto un sondaggio coinvolgendo 529 opinion leaderrappresentati da advertiser, agenzie e media company, in vari paesi tra cui Argentina,Francia, Germania, Italia, Messico, Spagna, Inghilterra e Stati Uniti ed ha scoperto che, siaper la vendita che per l’acquisto, le opinioni sono univoche e lasciano intravedere un futuroin crescita. Almeno il 70% delle agenzie e degli inserzionisti si aspettano che il budgetdestinato ai video aumenti nei prossimi due anni e il 73% delle media company chepianificano, sono convinte che il volume di offerta di video inventory sarà maggiore proprio per soddisfare la domanda crescente. 
Tuttavia, queste sfide (compresa la definizione di video adv premium, la mancanza di spazipubblicitari video premium che garantiscano di ottimizzare le performance dei videopubblicitari) frenano gli inserzionisti e le media company nel raggiungimento di soluzioni per
i loro video pubblicitari. Per aumentare le opportunità di successo del digital video, venditori e acquirenti si stannoaprendo a fonti di inventory premium addizionali, per ottenere un posizionamento degliannunci pubblicitari all’interno del cuore di un contenuto editoriale, invece di dipendere da uno stream video già esistente.
Credo che l’ultimo studio di Forrester Consulting sia la giusta prova per garantire quello cheabbiamo sostenuto per lungo tempo. L’advertising outstream presenta un’opportunitàenorme per media company, advertisers ed agenzie che cercano di raggiungere il successonel digital video,” ha dichiarato Bertrand Quesada, CEO di Teads. “Come primi ideatori delvideo advertising outstream, Teads è ben posizionata per risolvere i problemi delle industrypremium rilasciando formati innovativi che portano risultati di assoluto prestigio per
l’industry”.
Ulteriori risultati:
  La mancanza di inventory premium e disaccordi riguardo ladefinizione di cosa sia premium, rallentano la crescita del video. Per evitare lapeggiore delle frodi ed una scarsa viewability, gli advertiser e le agenzie adottano ilconcetto inventory “premium” di default senza avere un concreto distinguo sullaqualità dell’inventory. Questo intorbida il mercato con criteri diversi da quelli che si
classificano come “premium”.
  Gli advertiser, le agenzie e le media company devono costruire un mercato di video advertising trasparente e responsabile. Le mediacompany in grado di deliverare con alta qualità, sostenute da garanzie sulleprestazioni saranno pronte a distribuire inventory video davvero premium, in gradodi fornire sicurezza ed affidabilità agli acquirenti. Gli acquirenti che voglionoespandersi vanno al di la dall’affidabilità di un brand ed abbracciano media companyche offrono loro trasparenza e misurazioni semplici che beneficerebbero molte
campagne.
 La spesa nel digital video crescerà nei prossimi 2 anni. Gli annunci videopermettono agli advertiser di raggiungere i loro consumer con una elevata reach,grazie a messaggi accattivanti che vedono coinvolti i brand e i prodotti. Per leagenzie, i video offrono l’opportunità di lavorare su contenuti pubblicitari entusiasmanti e per le media company tutto questo rappresenta una significanteopportunità di revenue.
*Per scaricare l’intero studio, “Risolvere il dilemma del video advertising premium”, visitate:[http://teads.tv/it/teadsforresterdownload/].
About Teads
Teads, società tecnologica fondata nel 2011, ha inventato il video advertising outstream euna piattaforma internazionale per la monetizzazione dei publisher. Publisher prestigiosicome ad esempio Reuters, Forbes, The Washington Post, La Razón, Die Welt, II Sole 24Ore, The Guardian, The Telegraph, O Globo, e Le Monde stanno utilizzando la piattaforma diTeads per creare nuove video inventory premium e per gestire quelle già esistenti,monetizzando attraverso la propria forza vendita , servizi gestiti Teads o di terze parti , tra
cui i programmatic buyers .
La soluzione video outstream di Teads comprende una serie di formati inseriti nel cuore dicontenuti editoriali, inclusi articoli, slideshow e newsfeed. Sta così cambiando il gioco nelmercato del video advertising creando livelli “premium” delle inventory inesistenti
precedentemente.
Brand e agenzie possono accedere a questo alto livello, disponibile sia su web che susmartphone, per lanciare campagne locali e globali. I brand di lusso come Cartier, Gucci,Breitling, Louis Vuitton e Emirates si affidano alle soluzioni outstream di Teads perraggiungere il proprio target. Anche società high tech come Microsoft, Google e Samsungsono clienti di Teads, così come case automobilistiche del livello di General Motors,Volkswagen, BMW, Jaguar, Land Rover e Audi.
Teads ha un team di oltre 400 dipendenti , 100 dei quali sono nel team di innovazione ,attraverso 28 uffici in 18 paesi in tutto il mondo.
Facebook
Google+
Twitter
LinkedIn